Crowdpublishing

Cos’è il crowdpublishing™ e come funziona esattamente?

crowdpublishing books

Il crowdpublishing™ nasce con Crowdbooks, piattaforma pioniera del crowdfunding editoriale italiano.

Questo nuovo metodo di pubblicazione, in Italia però è ancora abbastanza sconosciuto e molte autori purtroppo sono ancora scettici riguardo alle sue vere potenzialità!

Il crowdpublishing™ è ancora visto come una scelta di ripiego o una strada secondaria per chi non ha trovato una casa editrice.

Si, soprattutto in Italia…, è un vero problema culturale…!

Molti autori hanno paura. Si…! proprio così.

Una paura tremenda di un possibile insuccesso e di conseguenza, del giudizio potenziale che potrebbero esprimere gli altri ( amici, conoscenti, colleghi… )

Invece di lottare per ciò che amano e per il quale hanno lavorato duramente, rinunciano semplicemente a mettersi in gioco e inventano le peggiori scuse: non sono tecnologico, non sono in grado di comunicare, mi vergogno di mostrare il mio progetto, non credo che funzionerà con me etc…

Bisogna assolutamente distinguere il successo e/o insuccesso della campagna e successo e/o insuccesso personale.

Se una campagna non ha avuto successo non deve essere considerata come un fallimento personale ma al contrario, un’esperienza diversa da cui trarre insegnamenti per il futuro.

Se al contrario la campagna ha avuto successo, va considerato piuttosto come un punto di partenza, non di arrivo.

C’é ancora tanto lavoro da fare per promuovere il libro affinché esso sia conosciuto e venduto

Crowdpublishing™ vuol dire un vero e proprio percorso alternativo, un’evoluzione naturale del crowdfunding tradizionale, utilizzato dagli esordi per raccogliere fondi per vari progetti ma anche per pubblicare libri.

Chi ha avuto esperienze (anche non personali) di crowdfunding per un libro, sa che lanciare una campagna di crowdfunding tradizionale è di per se un’operazione complessa ma non impossibile.

Il crowdfunding è sicuramente ancora un metodo efficace per raccogliere fondi ma sebbene questi siano ovviamente una componente importante nel processo di pubblicazione di un libro rappresentano solo una minima parte di quello che serve veramente.

Oltre ai soldi infatti c’é bisogno di innumerevoli competenze specifiche proprie all’edizione che non necessariamente un autore da solo ha a disposizione e che non si possono improvvisare!

Il nuovo metodo del crowdpublishing™ proposto da Crowdbooks™ si rivela vincente ed efficace per la pre-vendita e la pubblicazione di un libro.

Il crowdpublishing™ è l’associazione dei punti di forza dell’editoria tradizionale con la potenza e la disruption del crowdfunding tradizionale.

I progetti selezionati da Crowdbooks sono messi in prevendita sulla piattaforma e tramite una campagna di Crowdpublishing™ chiunque sia interessato ad un libro in particolare, può pre-ordinare in anticipo una copia del libro ad un prezzo promozionale.

Se i libri raggiungono il numero di pre-ordini necessari a coprire le spese di pubblicazione, Crowdbooks si occupa del resto.

Cioè della parte editoriale, offrendo all’autore un team dedicato e una serie di servizi professionali editoriali che gli permetteranno di pubblicare un libro di qualità in tutta serenità.

Il destino della pubblicazione di un libro non è più quindi nelle mani di una singola persona !

Questo fatto è decisamente una cosa positiva e un grande miglioramento rispetto al modello proposto dall’editoria tradizionale.

Una persona sola può sempre sbagliare e per qualunque altro motivo rifiutare la proposta di un libro perché:

  • La proposta non è redatta o presentata per lui correttamente
  • Soggettivamente non ne capisce il contenuto
  • Non apprezza il potenziale del libro
  • Non ha il tempo necessario per poterlo valutare correttamente

Non immagini quante proposte ricevono ogni giorno le case editrici…!

Ma la cosa più incredibile, di cui forse non sei a conoscenza, è quante volte alcuni best-seller mondiali sono stati rifiutati categoricamente dalle case editrici prima di raggiungere un successo planetario perché “giudicati” da una persona sola e selezionati in base a criteri puramente soggettivi.

Qui sotto qualche esempio:

1- Anna Frank
Il diario di Anna Frank, opera famosa in tutto il mondo fu incredibilmente rifiutata da più di 15 editori. Uno di essi ha detto: “ La ragazza, secondo me, non sembra avere quel sentimento speciale che innalzi il libro al di sopra della semplice “curiosità”

2- Stephen King
Mr. King ha ricevuto molti rifiuti per il suo primo racconto, Carrie e tra tutti il più clamoroso è questo: “non ci interessano i racconti di fantascienza con utopie negative. Non vendono.”

3- Agatha Christie
Ha passato ben quattro anni a pregare le case editrici per pubblicare le sue novelle. Oggi si stima che Agatha Christie abbia venduto nel mondo più di 4 milioni di libri.

4- J.K. Rowling
Harry Potter e la pietra filosofale fu rifiutato da una dozzina di editori anche famosi. Alla fine la figlia di 8 anni del presidente di Bloomsbury convinse suo padre a pubblicare il libro!

5- George Orwell
La fattoria degli animali, fu bocciato da un editore con queste parole:
“pensiamo che sia impossibile vendere storie di animali negli USA”.

6- Rudyard Kipling
L’autore de Il libro della giungla fu scartato con questa nota: “Mi dispiace Mr.Kipling, ma non sa usare la lingua inglese”.

Cit. G.di Marco – link

Tutto questi esempi ci fanno capire come nel circuito dell’edizione tradizionale da tantissimi anni non è ancora cambiato nulla…!

Molto spesso la scelta di pubblicare un titolo piuttosto che un altro, per i big dell’editoria è determinato quasi esclusivamente da meri criteri di redditività/ commerciabilità del singolo libro, piuttosto che in base al suo vero potenziale!

Il paradigma del Crowdpublishing™ offerto da Crowdbooks™, ribalta completamente il sistema di funzionamento dell’editoria tradizionale.

Lanciare una campagna di Crowdpublishing™ offre la possibilità ad ogni libro di essere scoperto e pubblicato esclusivamente in base al potenziale del contenuto per il quale è stato concepito dall’autore.

Quali sono gli ingredienti essenziali per la buona riuscita di una campagna di Crowdpublishing™?

Innanzitutto, il coinvolgimento di numero importante di persone che si dovrà convincere ad investire su di sé è fondamentale.

È necessario anche imparare a comunicare nel modo giusto e trovare la strategia adatta, non ne esiste una sola, ognuno, con il proprio progetto deve provare, testare e trovare infine la propria.

Non è una cosa semplice o immediata, bisogna lavorare molto nella fase precedente al lancio della campagna di Crowdpublishing™ e stilare un piano di comunicazione ben chiaro e strutturato.

  1. l’apprezzamento genuino da parte di un pubblico a cui interessa l’argomento del libro.
  2. la volontà del pubblico di aiutare l’autore a pubblicare sostenendolo finanziariamente e condividendo attraverso il proprio network affinché sia conosciuto da più persone possibili.

In sostanza, lanciare una campagna di Crowdpublishing™ su Crowdbooks™ equivale a lanciare una campagna di pre-ordini nella quale l’autore deve solo occuparsi di dimostrare che:

  1. esiste un pubblico interessato al suo libro
  2. il libro può avere un mercato anche dopo la campagna !

Al resto, ci pensa Crowdbooks™ !

About Stefano Bianchi

Fondatore e CEO di crowdbooks.com | Ho 20+ anni di esperienza come grafico editoriale e Art Director | Sono specializzato nella pubblicazione e produzione di libri fotografici.
View all posts by Stefano Bianchi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *