Crowdfunding

Crowdfunding Editoriale, come gestire il successo/ insuccesso di una campagna e il successo/ insuccesso personale.

crowdfunding - successo - insuccesso - crowdbooks - pubblicare libro

Gestire l’insuccesso di una campagna di Crowdfunding è un aspetto importante e al contempo molto molto delicato.

A Crowdbooks™ sono capitati diversi autori che nonostante avessero tutte le carte in regola per riuscire la loro campagna di Crowdfunding e le premesse per riuscire fossero più che promettenti, purtroppo non sono riuscite ad averlo, il meritato successo.

Diversi autori in un fugace momento di entusiasmo ci hanno inviato il loro progetto di libro con così tanta convinzione che abbiamo creduto pure noi al loro successo ancora prima di lanciarlo.

“Inspiegabilmente” ad un certo punto però alcuni hanno deciso improvvisamente di rinunciare, ancora prima di lanciare la loro campagna di Crowdfunding, a mettersi in gioco, dandoci motivazioni legate alla “reputazione” nel caso in cui la campagna di Crowdfunding fosse un insuccesso.

Nella nostra cultura, intendo quella italiana – anche al di fuori dell’ambito del Crowdfunding che resta comunque una pratica abbastanza recente – il concetto di fallimento è visto ancora in maniera molto negativa perché va a smuovere lati reconditi della psiche di ciascuno.

Fallire ovviamente non piace a nessuno, ma dai noi oltre alla delusione di non avercela fatta, in più produce anche tanta paura, timore e incertezze, per la maggior parte basati su luoghi comuni che ci hanno inculcato da generazioni.

La paura del giudizio degli altri è – nella maggior parte dei casi – il motivo numero uno per il quale certi autori non utilizzano ancora il Crowdfunding.

Molti autori sono convinti che il fallimento di una campagna di Crowdfunding che riguarda la pubblicazione del loro libro possa in qualche modo danneggiare la loro immagine, la loro reputazione o addirittura che le persone possano misurare la qualità del loro lavoro in base al successo/ insuccesso della campagna.

Non temere gli errori. Conoscerai il fallimento. Continua a lottare.

Benjamin Franklin

Tendiamo a considerare gli insuccessi e gli errori come fatali, che è un errore in sé. 

Il fallimento è una guida, un segnale di navigazione che ci mostra cosa funziona, cosa no, dove siamo forti e dove siamo deboli. 

Invece di vivere la tua carriera come un atleta che promette di evitare il fallimento a tutti i costi, renditi conto che il fallimento è una parte essenziale del tuo successo finale.

Come nuotatore, se a un certo punto non stai fallendo, non stai inseguendo i limiti esterni del tuo talento e delle tue abilità. 

Non temere di fallire – non troverai un insegnante migliore del fallimento e dell’avversità.
Impara dalle tue lotte e applica le lezioni ai tuoi obiettivi andando avanti.

In verità e per esperienza, ti posso dire che non è affatto così.

Ci sono ovviamente molteplici ragioni per le quali una campagna di Crowdfunding di un libro può non avere successo.

Sono queste ragioni sulle quali invito gli autori a soffermarsi, concentrarsi, riflettere, per imparare dagli errori degli altri e pianificare bene ogni dettaglio prima di lanciare la propria campagna di Crowdfunding.

La fase che precede il lancio della campagna di Crowdfunding viene chiamato pre-campagna ed è fondamentale alla riuscita di ogni progetto.

Molti autori – un pò sprovveduti – sottovalutano questa fase, pensano ingenuamente che solo il fatto di mettere il loro progetto online sia sufficiente a raccogliere consensi e far si che tutti corrano ad acquistare il loro libro, purtroppo… non è così!

Il lavoro di preparazione prima del lancio è una fase imprescindibile che determina il successo o l’insuccesso della campagna, sia che si abbia già un network consolidato e diverse interazioni sui social.

Ovviamente il rischio zero non esiste.

Si può solo cercare di minimizzare al massimo i rischi di un (possibile) fallimento preparandosi bene, studiando, analizzando tutte le possibili strategie e soprattutto rimanendo con i piedi per terra, proprio come fa un imprenditore quando lancia una nuova attività commerciale.

Per questo motivo bisogna fare bene la distinzione tra il potenziale insuccesso della campagna e l’insuccesso personale.

Sebbene i pregiudizi ci portano a credere che questi due eventi siano collegati, sono due cose completamente diverse.

Qualora la campagna si dimostri un insuccesso, questo non deve essere letto assolutamente come un fallimento personale, semmai come una esperienza fondamentale da cui trarre spunti e indicazioni preziose per migliorare ed eventualmente provare nuovamente.

Crowdbooks a differenza di altre piattaforme di Crowdfunding “generaliste”, si occupa di accompagnare gli autori durante tutto il loro percorso di Crowdfunding editoriale volto alla pubblicazione del loro libro.

Ci occupiamo di dare supporto agli autori dalla preparazione della campagna alla finalizzazione del progetto grafico, dalla stampa e produzione alla distribuzione e infine, alla vendita del libro, online e nella rete distributiva tradizionale.

Per poter lanciare una campagna di pre-vendite su Crowdbooks™ è necessario superare una selezione iniziale.

Se vuoi pubblicare il tuo libro con il Crowdpublishing™, il primo passo da fare è inviarci una proposta strutturata qui.

Ti consiglio di riflettere bene a come presentare la tua proposta di libro ma soprattutto di compilare accuratamente le informazioni che invii.

Devi chiarire e illustrare nel modo più dettagliato possibile l’argomento del libro e la finalità della pubblicazione.

Nella presentazione della proposta sarà dunque utile chiarire questi punti:

  • Il motivo per cui si è deciso di affrontare un determinato argomento
  • Quali sono le problematiche che il libro affronta
  • In cosa si differenzia il tuo libro da tutti gli altri (se ce ne sono) che trattano lo stesso argomento
  • Qual’è il target di pubblico a cui si rivolge il libro
  • Qual’è il mercato potenziale e se ha un valore anche tra i lettori che non hanno una conoscenza specifica dell’argomento.

Se reputi che il Crowdpublishing rientri nelle tue corde, non aspettare ancora, inviaci subito la tua proposta di libro compilando questo form.

Condividi
Tagged , , ,

About Stefano Bianchi

Fondatore e CEO di crowdbooks.com | Ho 20+ anni di esperienza come grafico editoriale e Art Director | Sono specializzato nella pubblicazione e produzione di libri fotografici.
View all posts by Stefano Bianchi →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *